Stabilimento Idrovoro
In Codigoro, provenendo da Ferrara, sorgono  le  due strutture per il controllo delle acque basse e delle acque alte (inaugurate nel 1995).
  
 
 
Tra la metà e la fine dell'ottocento, iniziarono le bonifiche e, con la   costruzione del primo impianto idrovoro, vennero prosciugati 56.000 ettari di terreno.
Codigoro ne diviene così il centro propulsore, infatti qui confluiscono reti di canali raccoglitori di acque.
Per Codigoro significò lavoro, sviluppo, l'arrivo di tantissime famiglie dal Veneto e dalla Romagna, ma anche la nascita dello "scariolante", figura tipica di questo periodo impegnata a costruire con  la forza delle braccia i canali per la bonifica.
Nel 1911 con il secondo idrovoro, il più grande d'Europa, venne completata  l'opera di bonifica e, a metŕ del '900, con la riforma agraria cominciň l'espansione ed il rilancio dell'agricoltura su tutto il territorio.

 
 
Data ultimo aggiornamento: 20/11/2017
Versione 2.0  ( AFC 2007.01 )
Valid XHTML 1.0 Strict  Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0