Norme di sicurezza per impianti a gas GPL in Fiere
OGGETTO:
MERCATI E FIERE - ORDINANZA RELATIVA A NORME DI SICUREZZA DA RISPETTARE PER IMPIANTI A GAS GPL DURANTE SAGRE, MANIFESTAZIONI, MERCATI ED ALTRO.


IL SINDACO

Premesso che nel territorio del Comune di Codigoro si organizzano sagre, fiere e manifestazioni a vario titolo con presenza di operatori su area pubblica, stands gastronomici ecc. che utilizzano impianti a GPL (gas propano liquido);
Considerato che il GPL possiede un intrinseco fattore di pericolosità dato dal suo peso specifico superiore a quello dell'aria e pertanto in grado di produrre sacche di gas infiammabile che si depositano al suolo;
Visto l'art. 54 del D. Lgs. 267/2000 comma 1;

Vista la legge 225/92 artt. 2-3-6-15;

Vista la Circolare del Ministero dell'Interno dipartimento dei VV.FF., del soccorso pubblico e della difesa civile prot. n. 3794 del 12/03/2014;

Considerato che la materia qui trattata costituisce ad ogni effetto attività ordinaria di protezione civile, in quanto momento di previsione e prevenzione di rischi e danni connessi all'attività umana come indicato della citata L. 225/92 art 2;

Inteso ridurre al minimo la possibilità che si verifichino incidenti dovuti all'uso del GPL, alla luce dell'esperienza acquisita nel frattempo;

Ritenuto di adottare una serie di precauzioni disciplinate dalla presente ordinanza, nonché richiedere agli operatori su area pubblica con stands gastronomici ecc. che utilizzano impianti a GPL di essere in possesso di dichiarazione redatta da un tecnico/installatore abilitato, relativa al corretto montaggio per impianti semplici a GPL di cui all'allegato 1;

Accertata la necessità e l'urgenza di provvedere in merito nelle more della predisposizione di un apposito regolamento;

ORDINA

Che durante le manifestazioni, i mercati, le sagre e le fiere di ogni tipo e tutti gli eventi affini aperti al pubblico siano rispettate le seguenti norme di sicurezza per impianti a gas GPL impiegati nelle stesse.

1. L'uso di apparecchi alimentati a gas combustibile GPL (gas propano liquido) è consentito solo per la cottura di cibi e bevande destinati alla vendita.

2. Non è consentito l'uso di gas per impianti di riscaldamento, per dimostrazioni o comunque per un uso diverso da quello di cottura di cibi e bevande.

3. Le apparecchiature a gas di cui al precedente punto 1 devono corrispondere alle seguenti tipologie:

a) apparecchi di cottura alimentati a gas installati sui banchi di vendita;

b) apparecchi di cottura alimentati a gas con impianto fisso, installati su automezzi per la gastronomia.

c) apparecchi di cottura alimentati a gas installati nelle cucine degli stands gastronomici.

Per ciascun tipo di apparecchiatura a gas devono essere rispettate le specifiche prescrizioni di sicurezza previste dalla normativa vigente in materia di impianti a GPL (gas propano liquido) per uso domestico non alimentati da rete di distribuzione con particolare riferimento alle linee guida di cui alla circolare del Ministero dell'Interno dipartimento dei VV.FF, del soccorso pubblico e della difesa civile prot. n. 3794 del 12/03/20104.

4. Ciascun operatore, che intende utilizzare le apparecchiature di cui al precedente punto 3, deve munirsi di una dichiarazione redatta e firmata da un tecnico/installatore abilitato, in cui si attesti la rispondenza dell'impianto utilizzato alle norme previste in materia; a tal fine la dichiarazione deve essere resa in conformità al modello di cui all'Allegato 1 alla presente.

5. La suddetta dichiarazione ha validità:

· un anno dalla data di sottoscrizione, per gli automezzi gastronomici e per impianti fissi, preconfezionati o prefabbricati soggetti a semplice riposizionamento;

· pari alla durata della singola manifestazione per le cucine degli stands gastronomici e in tutti i casi di nuova installazione, reinstallazione o riassemblaggio di impianti.

6. Gli operatori devono tenere a disposizione la predetta dichiarazione in corso di validità, ed esibirla all'organo di controllo, qualora richiesta nel corso di eventuali sopralluoghi effettuati durante lo svolgimento delle manifestazioni. In mancanza, l'attività non potrà essere esercitata, i bidoni GPL dovranno essere rimossi ed il comune potrà assegnare il posteggio resosi vacante ad altro operatore in regola.

7. E' fatto divieto in ogni caso di lasciare incustodite le attrezzature in funzione con uso di GPL (gas propano liquido).

8. I singoli provvedimenti dirigenziali di regolamentazione delle manifestazioni possono stabilire ulteriori prescrizioni in ordine alle caratteristiche di ubicazione di tali impianti.

9. Chi viola le disposizioni di cui sopra è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25,00 a euro 500,00 ai sensi dell'art. 7-bis del TUEL. Rimane salva, in ogni caso, l'applicazione delle sanzioni, anche penali, previste dalla normativa vigente.

Che le presenti disposizioni entrino in vigore dal 01/07/2014.

DISPONE

1. di dare adeguata pubblicità al presente provvedimento mediante la sua pubblicazione all'albo pretorio comunale nonché nei consueti modi di diffusione;

2. di inviare copia della presente ordinanza agli organi di vigilanza: Polizia Municipale e Carabinieri;

3. di inviare copia della presente alle associazioni di categoria più rappresentative del territorio - Ascom-Confesercenti-C.N.A. e Confartigianato;

4. Il personale dell'Ufficio di Polizia Municipale, dell'Ufficio Tecnico e tutti gli agenti della forza pubblica, sono incaricati della vigilanza per l'esatta osservanza della presente ordinanza.

5. la presente ordinanza annulla e sostituisce la precedente ordinanza n. 70 del 06/08/2013.

A norma dell'articolo 3, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241 si avverte che, avverso la presente ordinanza, in applicazione della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere: per incompetenza, per eccesso di potere o per violazione di legge, entro 60 giorni dalla pubblicazione e notificazione, al Tribunale Amministrativo Regionale di Bologna

o in alternativa

entro 120 giorni sempre dalla data del suo ricevimento, al Presidente della Repubblica ai sensi dell'art. 9 del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199.

Scarica allegato Testo completo dell'ordinanza

Condividi
 
Cerca nel sito

Anno precedente Mese precedente Agosto 2019 Mese successivo Anno successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
       1  2  3  4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Data ultimo aggiornamento: 23/08/2019
Versione 2.0  ( AFC 2007.01 )
Valid XHTML 1.0 Strict  Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0