Lettera Aperta ai Cittadini
 
Carissimi Cittadini,
la mia presa di posizione relativa alla gestione dei migranti ha scaturito un effluvio di dichiarazioni e prese di posizione da parte di Partiti, Associazioni, Persone delle Istituzioni e persino da parte del mio Vicesindaco, che ha pubblicamente smentito ciò che era stato concordato insieme a me e alla Giunta, relativamente alla decisione di attuare misure mirate a disincentivare un sistema di accoglienza che comporta disagi e difficoltà a moltissime comunità.
 
Sento il desiderio di rivolgermi a Voi per condividere alcuni punti fondamentali sulla questione. Risulta chiaro che il flusso dei migranti che scappano realmente dalla Guerra è minimo ormai da molto tempo e che il fenomeno ha assunto una valenza molto diversa rispetto a come si era manifestato inizialmente, tanto che è sceso in campo il Governo per fermare una situazione completamente ingestibile, che se protratta potrebbe minare la coesione sociale della Nazione. Lo stesso discorso vale per i flussi dei migranti che sono in Italia: si può definire "accoglienza" il far arrivare in piccole comunità il quadruplo dei migranti previsti per Legge, abbandonati a se stessi e inseriti in strutture spesso inadeguate? Rispecchia il reale significato di "accoglienza" il far gestire dai privati cittadini una situazione di questo tipo, dove il mero tornaconto economico fa da padrone, sulla quale i Sindaci non possono avere voce in capitolo? Accogliere dieci o cento o mille richiedenti asilo non è esattamente la stessa cosa, così come questi numeri hanno senso solo se riferiti al numero della popolazione residente.
 
Purtroppo esiste un meccanismo perverso secondo il quale al numero dei rifugiati assegnato dal Prefetto ai Comuni, si aggiungono quelli ospitati dai privati cittadini, che volontariamente mettono a disposizione strutture, spesso inadeguate, per intascare le risorse statali di mantenimento.
 
Quando a metà Luglio sono venuta a conoscenza del fatto che sarebbero dovuti arrivare altri quaranta migranti (ben oltre le percentuali previste), ho bussato a tutte le porte per scongiurare nuovi arrivi, ma non c'è stato niente da fare: nessuno ha capito che questo sistema è sbagliato. Da questo disagio e dalla preoccupazione di quanto sarebbe potuto accadere, è nata la decisione di porre uno stop a questa situazione ormai fuori controllo, con qualsiasi mezzo a mia disposizione, in qualità di Sindaco. Continuerò pertanto la mia battaglia per riportare nella mia comunità un numero contenuto di migranti, così come previsto dal Ministro Minniti, nell'accordo di Governo - Anci.
 
Voglio sottolineare che i controlli d'ufficio sono già terminati e a breve si effettueranno i sopralluoghi; la mia azione in questo senso ha già portato due privati cittadini del Comune a cambiare idea rispetto alla loro iniziale volontà di ospitare altri migranti.
 
Guardate, io vengo dal mondo del Volontariato e dell'Associazionismo, i miei valori sono da sempre quelli della Sinistra, quelli del rispetto e della solidarietà e niente, credetemi, mi è più estraneo ed odioso della parola "razzismo". Ho intrapreso e intendo proseguire la mia battaglia contro le speculazioni di proprietari di immobili che per i loro interessi personali mettono in difficoltà, se non in pericolo, la nostra comunità.
 
La Sinistra colga questa occasione per aprire un dibattito ed una discussione in grado di andare oltre questo sistema ed il Governo metta in atto tutte le misure per far rimpatriare al più presto chi non ha diritto di restare.
 
Si sappia che, continuando in questa direzione, come sostiene il Dott. Luciano Violante, la Sinistra non sta perdendo i propri valori, ma sta perdendo il proprio Popolo (la sottoscritta sarebbe poca cosa).
 
Quello dell'accoglienza e dell'integrazione dei migranti rappresenta un tema complesso e credo sia indispensabile cercare soluzioni che evitino lo scontro sociale ed ogni forma di speculazione. La Lista che mi ha candidata a Sindaco è rappresentata da una coalizione molto ampia, ha avuto l'appoggio del PD, del PSI, ma anche di Movimenti ed Associazioni sia politiche che indipendenti. Spero di essere riuscita ad esprimere chiaramente il mio pensiero, da molti strumentalizzato e travisato, non da ultimo dal mio Vicesindaco, che dopo avere affrontato la questione in ben due sedute di Giunta, si è rimangiato tutto pubblicamente, prendendo di fatto le distanze da Sindaco e Giunta. Quello di Vicesindaco è un incarico fiduciario, basato sulla stima, la lealtà e l'affidabilità, caratteristiche senza le quali il ruolo stesso perde di significato e di utilità per il governo locale e per la popolazione.
 
Io, purtroppo o per fortuna, dico le cose come stanno, non mi nascondo dietro a nessun Partito, né mi interesso a logiche e giochi di Partito, perché io mi sento e sono prima di tutto un Sindaco, una rappresentante della nostra comunità, una cittadina in mezzo a ai suoi Cittadini.
 
Ricordate il mio slogan: "Dalla Vostra Parte Sempre".
 
Grazie per avermi ascoltata.
 
Il SindacoAlice Zanardi
 
Cerca nel sito

Anno precedente Mese precedente Ottobre 2017 Mese successivo Anno successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
             1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
 30  31          

Data ultimo aggiornamento: 13/10/2017
Versione 2.0  ( AFC 2007.01 )
Valid XHTML 1.0 Strict  Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0