Comune di Codigoro

Amministrazione trasparente


Che cos'è
L'accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, dati e informazioni che il Comune ha l'obbligo di pubblicare nei casi in cui la pubblicazione sia stata omessa e ha altresì diritto di accedere ai dati, documenti e informazioni detenuti dal Comune, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, nel rispetto dei limiti indicati dall'art. 5-bis del D.Lgs. n. 33/2013.

Responsabile
Responsabile della Trasparenza - Dott. Francesco Montemurro

Come esercitare il diritto
L'esercizio del diritto di cui sopra non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente; l'istanza di accesso civico deve identificare i dati, documenti e informazioni richieste, non richiede alcuna motivazione ed è gratuita.
L'istanza va presentata al Responsabile per la Trasparenza.

Può essere redatta sul modulo appositamente predisposto e presentata:
- tramite posta elettronica certificata all'indirizzo:
comune.codigoro@cert.comune.codigoro.fe.it
- tramite posta ordinaria al seguente indirizzo: P.zza Matteotti, n. 60 - 44021 Codigoro (FE)
- direttamente presso l'Ufficio Protocollo del Comune di Codigoro - P.zza Matteotti, n. 60
- tramite fax al numero 0533 729548

Il Procedimento
Il Responsabile della Trasparenza, dopo aver ricevuto la richiesta, la trasmette al Dirigente del Servizio Responsabile per materia.
Il procedimento si conclude con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza con la comunicazione del relativo esito al richiedente e agli eventuali controinteressati. I termini sono sospesi nel caso di comunicazione dell'istanza al controinteressato ai sensi del comma 5, art. 5 D. Lgs. n. 33/2013.
In caso di accoglimento, l'amministrazione provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti, ovvero, nel caso in cui l'istanza riguardi dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del d. lgs. n. 33/2013, a pubblicare sul sito i dati, le informazioni o i documenti richiesti e a comunicare al richiedente l'avvenuta pubblicazione dello stesso, indicandogli il relativo collegamento ipertestuale.
In caso di accoglimento dell'istanza nonostante l'opposizione del controinteressato, l'Amministrazione, salvi i casi di comprovata indifferibilità, ne dà comunicazione al controinteressato e provvede a trasmettere i dati, documenti o informazioni al richiedente non prima di quindici giorni dalla ricezione della medesima comunicazione da parte del controinteressato.

Ritardo o mancata risposta
Nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta nei termini, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della Trasparenza che decide con provvedimento motivato entro il termine di 20 giorni. Se l'accesso è stato negato o differito a tutela degli interessi riguardanti la protezione dei dati personali (art 5-bis comma 2, lett. a), il Responsabile provvede sulla richiesta di riesame sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta.
Avverso la decisione dell'Amministrazione o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del Responsabile della Trasparenza, il richiedente può proporre ricorso al TAR ai sensi dell'art. 116 del Codice del D Lgs. n. 104/2010 o al difensore civico competente per territorio.

Normativa
DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33