Fauna selvatica

 

Il controllo delle specie di fauna selvatica può essere esercitato su tutto il territorio, per motivi di particolare gravità quali, ad esempio, la tutela delle produzioni agricole e le emergenze sanitarie.

La Regione Emilia-Romagna si occupa del monitoraggio sanitario della fauna selvatica, degli aspetti igienico-sanitari legati al consumo alimentare della selvaggina, e si impegna nella lotta contro il fenomeno dei bocconi avvelenati. Maggiori informazioni sul sito della Regione Emilia-Romagna.

In data 4 aprile 2017, è stato sottoscritto dai Comuni della Provincia di Ferrara, la Prefettura di Ferrara e altri Enti, il protocollo di intesa per la gestione in situazioni di emergenza di esemplari di fauna selvatica.
 
Considerato che nel territorio della Provincia di Ferrara sono presenti in aree ambientali tutelate in stato di libertà ed in allevamenti autorizzati, popolazioni di ungulati (daini e caprioli) e che tali specie di animali, in occasione di attraversamento di strade, possono costituire pericolo per la pubblica incolumità, provocando e/o rimandendo coinvolti in sinistri stradali, la Prefettura di Ferrara, al fine di gestire situazioni di emergenza, riguardanti sia la fauna selvatica che gli animali fuggiti dagli allevamenti autorizzati presenti nel territorio Provinciale, ha redatto un Protocollo contenente modalità operative ai fini del monitoraggio e recupero della fauna selvatica in situazioni di difficoltà o ferita.

La Regione ha approvato, tra gli altri, piani per il controllo della volpe, degli ungulati, della nutria, del colombo o piccione di città. 



Riferimenti normativi sulla fauna selvatica

  • Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione. Sottoscritta a Washington il 3 Marzo 1973, emendata a Bonn, il 22 Giugno 1979
  • Regolamento CEE n. 3626/82 e successive modificazioni: denuncia  di esemplari nati o riprodotti in cattività appartenenti a specie incluse nell'allegato "A" appendice I^ e II^, nonché nell'allegato "C" parte 1 e 2. 
  • Regolamento 338/97 del Consiglio relativo alla protezione della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio, sostituisce il Regolamento precedente n. 3626/82 che già applicava la Convenzione ed introduce norme più restrittive per il commercio di esemplari di fauna e di flora (nei due allegati A e B sono state inserite specie che non sono incluse nelle Appendici della Convenzione ma per le quali l'Unione Europea ha inteso estendere la tutela normata dalla Convenzione stessa.
  • Regolamento 1808/01 della Commissione stabilisce le modalità per l'applicazione del Regolamento 338/97).