POC - Variante 5
 
Variante al POC del comune di Codigoro con valore di PUA sostitutivo del P.I.P. "Piano insediamenti produttivi area Falco"

 

Il P.I.P. "Piano insediamenti produttivi area Falco" del Comune di Codigoro, è stato adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 55 del 10/07/2000 ed approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 80 del 30/10/2000 e successiva variante approvata con deliberazione di Consiglio comunale n. 31/2001 del 28/03/2001.

In data 05/09/2017 la società KASTAMONU ITALIA SRL, ha inoltrato domanda di attivazione della procedura di Valutazione di impatto Ambientale (VIA) e Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) previsti dal Dlgs 152/2006 e s.m.i., relativa al progetto di Riavvio dell'impianto esistente per la produzione di pannelli a base di legno con una capacità di produzione di 480.000 m3/anno, sito in Via S.S. Romea - Codigoro.

L'autorità competente al rilascio dell'autorizzazione complessiva (VIA e AIA) è la Regione Emilia Romagna, che ha approvato il progetto con Delibera di giunta regionale n. 1901 del 12/11/2018, pubblicata sul BURERT periodico parte seconda n. 375 del 28/11/2018.

La proposta progettuale è interamente pubblicata sul sito dell'autorità competente all'indirizzo del portale VIA della RER-VIPSA.

E' possibile attivare la ricerca inserendo i seguenti dati:
Tipo procedura: VIA
Stato procedura: CONCLUSA
Autorità competente: REGIONE EMILIA ROMAGNA
Provincia: FERRARA
Comune: CODIGORO
Titolo della procedura: RIAVVIO.

Nell'ambito del procedimento di approvazione, gestito da ARPAE SAC FE mediante conferenza dei servizi sincrona, si è espresso il Consiglio Comunale con deliberazione n. 60 del 26/10/2018.

L'impianto è localizzato in Provincia di FERRARA , Comune di CODIGORO, località Pomposa, Strada Statale Romea n. 27.

Il progetto prevede il riavvio dell'impianto esistente "Ex Impianto Falco" (produzione cessata nel dicembre 2013) per la produzione di pannelli a base di legno riciclato, con capacità di produzione di 480.000 m3/anno tramite il recupero di 490.000 tonnellate/anno di rifiuti non pericolosi a matrice legnosa. Sono previste migliorie dell'impianto esistente, quali: attivazione di una nuova linea di impregnazione; attivazione di una nuova pressa di formatura; realizzazione di nuovi silos; revamping dei punti di emissione e in particolare sostituzione dell'attuale elettrofiltro con un nuovo sistema maggiormente performante; miglioramento del sistema di gestione delle acque con incremento dei sistemi di riutilizzo; inserimento un nuovo impianto direcupero energetico (25MW) alimentato dagli scarti di legno del processo di produzione, ai fini della produzione di energia termica utile al processo stesso con spegnimento dell'attuale caldaia a gas per il riscaldamento dell'olio diatermico.

L'impianto di progetto appartiene alle seguenti tipologie progettuali di cui alla parte II Dlgs 152/2006 Allegato IV:

  • punto 5 lettera a) Impianti di fabbricazione di pannelli di fibre, pannelli di particelle ecompensati, di capacità superiore alle 50.000 t/anno di materie lavorate;
  • punto 7 lettera s) Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti non pericolosi, concapacità complessiva superiore a 10 t/giorno, mediante operazioni di cui all'allegato C, lettere da R1 a R9, della parte quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006.

L'approvazione del progetto ha comportato una Variante al POC con valore di PUA in sostituzione del P.I.P. "Piano insediamenti produttivi area Falco" del Comune di Codigoro, adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 55 del 10/07/2000 ed approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 80 del 30/10/2000 e successiva variante approvata con deliberazione di Consiglio comunale n. 31/2001 del 28/03/2001.

La variante urbanistica consiste nella nuova localizzazione delle dotazioni pubbliche (parcheggi e verde attrezzato) su aree situate a nord-ovest dell'impianto preesistente, quindi esterne al perimetro del precedente piano, di proprietà del comune di Codigoro.

L'avviso di variante al POC con valore di PUA è stato pubblicato sul BURERT periodico parte seconda del 16/03/2019.

Ai sensi dell'art. 27 bis D.Lgs. 152/2006, tutte le autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, comprese le valutazioni inerenti la vas-valsat del piano, necessari alla realizzazione ed all'esercizio dell'impianto, sono state recepite nell'atto di approvazione finale.

Ai fini della partecipazione degli interessati, lo studio di impatto ambientale e il progetto prescritti per l'effettuazione della procedura di VIA, oltre alla documentazione relativa alla variante urbanistica ed alla Concessione di derivazione di acqua pubblica sotterranea, sono stati depositati per 60 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso sul Portale WEB Ambiente della Regione Emilia Romagna.
La documentazione di AIA è stata pubblicata sul Portale Regionale IPPC.
La documentazione è depositata altresì agli atti dello sportello unico attività produttive del Comune di Codigoro (SUAP) , in solo formato elettronico, fascicolo SU146 - 2017, ed in formato cartaceo per la sola parte relativa alla variante urbanistica.

Ai sensi dell'art. 39 del D.Lgs. 33/2013 si aggiorna di seguito al pubblicazione preventiva con i seguenti elaborati relativi alla variente urbanistica approvata:

Deliberazione di Consiglio comunale n. 60 del 26/10/2018
Deliberazione di Giunta regionale n. 1901 del 12/11/2018
Elaborati del PUA (file .zip - dimensione 48,1 Mb)

Si chiarisce che le dotazioni del PIP vigente, approvato nel 2001, sono quelle rappresentate nel file "P17-043_SI_DE_U02a_PLANIMETRIA SL_R01.pdf", mentre quelle del progetto proposto sono rappresentate nel file "P17-043_SI_DE_U03a_PLANIMETRIA SdP_R04.pdf"